Comunicato Stampa Carnem Levare il Cammino

Perché il titolo “Carnem Levare, il Cammino”

Etimologicamente dal termine latino “Carnem levare” deriva la parola “Carnevale” Ad oggi questo termine farebbe pensare che l’evento affonda totalmente le radici nella cristianità;eppure le origini fanno parte di tradizioni ben più antiche. Le prime manifestazioni risalgono a 4000 anni fa dall’antico Egitto dove questa festa era in onore di Iside simbolo della fertilità dei campi e il rinnovarsi della vita. Nelle “Dionisiache” greche e nei “Saturnali” romani, erano espressione del bisogno di un temporaneo scioglimento degli obblighi sociali e delle gerarchie per lasciar posto al rovesciamento dell’ordine, allo scherzo ed anche alla dissolutezza. Nel Medioevo i popoli barbari iniziano a personificare lo stesso carnevale con l’essere umano e con un fantoccio. Come detto la parola deriva dal termine dal termine latino “Carnem levare” e significa “togliere la carne”. L’evento era il banchetto di abolizione della carne che si teneva subito prima del periodo di astinenza e digiuno della Quaresima. Il Carnevale e’ il momento in cui la gerarchia decade per far posto alle maschere dove si arriva a negare se stessi per divenire altro, si esce dal quotidiano cammino. Il “Cammino” è quindi un abbandonarsi alle radici dell’uomo, alle sue sofferenze e nefandezze. E’ necessario che provi a spezzare tutti i suoi vincoli, le sue catene attraverso l’espiazione del dolore, del suo stesso dolore. Questo è l’unico modo per penetrare direttamente nella sua anima. L’uomo è solo e né Cristo né Allah né Buddah possono redimerlo. Il male stesso dell’uomo è l’uomo stesso. La sua anatomia è quella del distruttore. E’ innata…
(Dimitri Ruggeri)

…il cammino…

…”Come ogni mattina, l’orologio al quarzo azzurro squilla con voce roca, sempre cinque minuti prima di me; anche questo è un cammino. Il cammino verso la persiana scricchiolante alla ricerca di un po’ di luce gialla che mi risvegli. Mi accorgo dopo un po’ come questo rarefatto bagliore mattutino mortifichi sgarbatamente tutto quello che si è sognato ma non il letto ancora tiepido che ne è illuminato sulla lettiera in ottone. Le braccia sono nere e illividite , non so dare spiegazione; è gia faticoso il semplice camminare. Ho il fiatone sulle spalle. Ho messo il sale nel caffé freddo. E’ ancora più amaro. Mi sbaglio spesso. Sembrava zucchero:il colore è lo stesso. Esco di casa, scendo le scale pigmentate da macchie nere e rosse. E’ un granito molto bello. Il passamano è in legno, legno di ciliegio. Fuori è primavera ed inverno insieme. Vado a lavoro. Salgo sul mio treno. Con me puttane che tornano dalla mattanza: sono straziate; con segni tribali incavati sulle guance nere imprecano chissà quale Dio. Dormono. Scendo dal treno tra i fantasmi che danzano intorno ai riti sacrificali del caffé e della sigaretta. Incrocio masse informi, senza braccia, senza gambe, senza carne. E’ l’ora del pranzo. “Cameriere, per favore, Tifo e Cluster Bombs, come antipasto, Aids e macerie come primo piatto, silenzi morti e stramorti per dessert con ciliegina sulla torta se possibile”. Il cameriere obbedisce. Sazio, con la pancia strapiena, dormo e non vedo più nulla. Il pranzo è da gambero rosso. All’improvviso mi risveglio tra boati e schiamazzi di bambini che tirano pallonate su serrande grigie metalliche. Mi devo rialzare. Cancello tutto. Vedo il cartellone delle partenze e degli arrivi. Cerco la mia via. Davanti a me un semaforo rosso e il tempo maledetto che non si ferma mai, che non si è mai fermato. Scandisce i minuti come coriandoli tra arlecchini, saltimbanchi, acrobati e clown mascherati. Apro gli occhi. E’ un Carnem Levare. E’ un Carnevale. Se necessario toglierò la carne dalla stessa carne, come una strana malattia che paralizza. Claudicante mi giro attorno tra mandorli in fiore mortificato dall’aurora, principio e fine di tutto”…
 (Dimitri Ruggeri)

Nota biografica dell’autore

Nato nel 1976 ad Avezzano (AQ). Ha conseguito la Maturità presso la Scuola Navale Militare “F. Morosini” di Venezia. È laureato in Economia e laureando in Filosofia. È presente in varie antologie. Ha pubblicato il libro “parole di grano” (Ed. Progetto Cultura 2007).Diverse sono le segnalazioni in concorsi nazionali di poesia e in recensioni sulla stampa.

Annunci

Informazioni su Staff "Il Blog di DIMITRI, il verseggiatore"

Dimitri Ruggeri è un poeta e performer vocale. Consegue la maturità presso Scuola Navale “F. Morosini” di Venezia e la laurea all’Università “La Sapienza” di Roma. Tra le raccolte poetiche si segnalano Parole di grano (2007), Status d’amore (2010), Carnem Levare, (2008), Il Marinaio di Saigon (2013, Premio della critica Mioesordio 2014 – Gruppo Editoriale L’Espresso), Soda caustica (2014). Ha partecipato a Poetry Slam, Festival di poesia e ai più importanti Festival di videopoesia in Europa. Nel 2006 è stato ospite al programma RAI (Futura) Miss Poesia. Ha viaggiato in più di settanta paesi nel mondo. Maggiori informazioni su www.dimitriruggeri.com Vedi tutti gli articoli di Staff "Il Blog di DIMITRI, il verseggiatore"

2 responses to “Comunicato Stampa Carnem Levare il Cammino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: