Le “Parole di grano e d’amore” piacciono a Confagricoltura

“Parole di grano e d’amore”, recensione sulla poetica di Dimitri Ruggeri a cura di Gaetano Menna pubblicata sulla rubrica di Mondo Agricolo (n.4), rivista ufficiale di Confagricoltura.

Dimitri Ruggeri Di Nella è uno scrittore contemporaneo orientato sperimentalmente  alla “poesia di reportage” (per informazioni http://www.dimitriruggeri.com). Si avvale della fotografia,del video e delle installazioni per rappresentare il verso libero, prevalentemente in borghi antichi e campagna. È autore della trilogia poetica “Parole di grano”, “Status d’amore”, “Carnem Levare il Cammino”. Il suo libro di poesie “Status d’amore” (pagg112, 8 euro) ora è diventato un audiolibro, avvalendosi della collaborazione artistica del Maestro Roberto Bisegna, autore della musica, e dell’attore Corrado Oddi. Il sottotitolo è sintomatico: “L’assenza genera essenza”. Ci viene in mente lo status di trance, di estasi verso la donna ma anche verso l’Essenza suprema, la Natura, da chiamare Dio se credenti. Quella di Ruggeri è una poesia di immagini ma in bianco e nero. “Status d’amore” è divisa in più sezioni che raccontano le tante facce dell’amore: sentimento, passione, cuore, carne, sogno, contemplazione, misticismo, attesa, rimpianto. Si parte dalla ricerca perché siamo tutti cercatori dell’ “oro amore”. Poi c’è l’innamoramento che è puro romanticismo, con versi di melassa (l’amore come “nuvole di ciliegio”). Segue la consapevolezza che l’amore è anche carne, materia, sensi (uno dei versi dice «l’amore è il più bel mattatoio»); la passione altera le coscienze («impazziamo insieme» invita il poeta dedicando una sezione proprio alla “follia”). C’è quindi l’altra faccia dell’amore, è quella del rimpianto della perdita, della “stella cadente”, della separazione («La mia mano sopra la tua/disegnava tatuato il nostro amore»). L’ultima sezione è quella della maturità, della conclusione di un ciclo, di un fiore che appassisce, che diventa altro, amicizia, rughe, colori autunnali. Nella sua opera è presente forse un pessimismo di fondo, da tragedia greca; si avverte l’ineluttabilità del trascorrere del tempo che è anche una galera. “Questo carcere” intitola una delle liriche sull’amore senile in cui si legge: «Ancora rughe sul tuo volto/ a colmar gli spazi infiniti/ di questo carcere». Le sue, potremmo dire, parafrasando i titoli delle sue opere, sono parole di grano e d’amore. In “Parole di grano”, c’è un altro amore, quello per la terra feconda: «E’ terra, questa mia terra, grigia e feconda/ Sgorga dalle mani di Dio e di Demetra…/Questa avida Conca mi cinge/come una rugosa amante ricurva in un deserto roccioso…». In fondo si racconta un’altra faccia dell’ amore… tutto torna.

Articoli correlati:

Annunci

Informazioni su Staff "Il Blog di DIMITRI, il verseggiatore"

Dimitri Ruggeri è un poeta e performer vocale. Consegue la maturità presso Scuola Navale “F. Morosini” di Venezia e la laurea all’Università “La Sapienza” di Roma. Tra le raccolte poetiche si segnalano Parole di grano (2007), Status d’amore (2010), Carnem Levare, (2008), Il Marinaio di Saigon (2013, Premio della critica Mioesordio 2014 – Gruppo Editoriale L’Espresso), Soda caustica (2014). Ha partecipato a Poetry Slam, Festival di poesia e ai più importanti Festival di videopoesia in Europa. Nel 2006 è stato ospite al programma RAI (Futura) Miss Poesia. Ha viaggiato in più di settanta paesi nel mondo. Maggiori informazioni su www.dimitriruggeri.com Vedi tutti gli articoli di Staff "Il Blog di DIMITRI, il verseggiatore"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: